Menu

le storie sono ovunque

È difficile restare arrabbiati quando c'è tanta bellezza nel mondo (Lester Burnham)

adesso

questa pagina riassume ciò che sto facendo qui e ora. oggi è il 31 maggio 2018. tu che stai facendo di bello?

care tappine e cari tappini,
sentite questa.

Qualche anno fa, in una delle mie vite precedenti, incontravo spesso un ragazzo che lavorava come social media manager freelance [oggi ha aperto una sua società di marketing, il suo nome è di quelli che contano, diciamo così]. Una sera eravamo insieme a un aperitivo e si parlava di #cosedilavoro. Raccontò che quando si sentiva bloccato usciva a fare due passi, magari la spesa, e che le ispirazioni migliori gli venivano in coda alla cassa del supermercato. Ricordo che io, in qualche modo mi arrabattavo a fare il suo stesso mestiere, tra me e me pensai: “Ma ispirazioni di che?”. All’epoca avevo un senso meccanico del lavoro, ci sono dei social da presidiare e io li presidio, pubblico tre post al giorno di qui e due di là, e una volta raggiunto quel numero stop fino all’indomani. Sentivo lui e altre persone parlare di strategia, definire la strategia, ripensare la strategia, e non avevo assolutamente idea di cosa stessero dicendo. C’è un blog e devi scrivere, ci sono dei social e devi postare, ci sono dei commenti e devi rispondere: quella per me era la strategia. Nessuno me lo ha spiegato, mi dicevo. Nessuno mi paga quel tanto che merito, nessuno mi forma quel tanto che merito. Per forza non ne so un’acca, di questo lavoro. Macino parole su siti web, blog e social media da quasi dieci anni, ma solo in quest’ultimo mese ho capito cosa intendeva quel ragazzo. L’ho capito perché l’ho vissuto.

Mi sto avvicinando a essere una professionista migliore, quella che avrei potuto essere fin dall’inizio, se avessi per un attimo accantonato l’incolpare gli altri e avessi guardato dentro me stessa. Ispirazione, curiosità e disponibilità a uscire dalla propria zona di comfort: questi sono i tre requisiti base per fare al meglio il proprio lavoro, qualunque esso sia. Ci ho messo un po’, ma adesso l’ho capito.

Passiamo a robe più leggere, va. Questo blog compie un mese di costanza, un post a settimana e sono felice, nel mentre io ne ho compiuti 384, di mesi, e mi sono regalata la mostra di Frida Kahlo al Mudec di Milano [affrettatevi che termina il 3 giugno, sigh sob].

Viaggiare da sola, anche solo per un giorno, è qualcosa che va oltre la mia zona di comfort. Ho ancora un pizzico di timore nello stare sola. Timore di sprecare tempo prezioso che potrei regalarmi, di mancare l’appuntamento con l’artista di cui scrive Julia Cameron, di restare un passo fuori dal flow.

Per il resto..
Sto leggendo Sei donne che hanno cambiato il mondo di Gabriella Greyson, la biografia di sei scienziate, la prima è Marie Curie.
Sto guardando la prima stagione di Jessica Jones e mi sto rimettendo in pari con Black Mirror, mi manca un episodio per finire la quarta stagione [ma quanto bello è Arkangel?]. Meno male che oggi riprende You, me, her, un po’ di leggerezza non guasta.
Sto ascoltando Rihanna e Janelle Monae, per ricordare a me stessa che sono ancora ggiovane. Ho scoperto un nuovo podcast, Being boss.
Sto imparando il bakasana, ma riesco a stare in posizione per massimo due secondi, poi cado all’indietro.
Sto camminando molto nel quartiere di San Fruttuoso, vicino casa, c’è un mercato grandissimo dove il sabato mattina andiamo a fare la spesa.
Sto riscoprendo quanto sia meraviglioso stare in compagnia, e quanto sia meraviglioso scrivere, e quanto sia meraviglioso passare un’intera giornata senza sbuffare o lamentarsi nemmeno una volta.
Sto wishlistando un portaspezie verticale, vestiti nuovi comprati da Rebelot [mannaggia al loro Instagram, li adoro], un cuscino per la meditazione e un minimo di abbronzatura, giusto un minimo.
Sto scrivendo con il laptop sulle ginocchia, a ridosso del balcone di casa, fuori c’è il sole e non saprei essere più in pace di così.

Ci scriviamo il mese prossimo.

Buon giugno a voi, care tappine e cari tappini.

Hai detto biscotti? Non ancora, mi servono maggiori info.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi