Menu

le storie sono ovunque

È difficile restare arrabbiati quando c'è tanta bellezza nel mondo (Lester Burnham)

L’accappatoio

Poesia a cui mi sono ispirata osservando, di frequente, i panni stesi da una specifica finestra di una specifica casa in una specifica via della mia città

Non so i loro nomi
ma distinguo i movimenti della loro lavatrice
li sento sotto i piedi
del letto
lunedì magliette
giovedì lenzuola
e gli accappatoi
due
ogni sabato
stesi nel silenzio del vicolo
le maniche si sfiorano
uno azzurro, uno rosa
accanto
a testa in giù
io in punta di piedi
– mi prendono per matta? –
dito medio in su
le accarezzo i capelli
ogni sabato
odorano di lavanda.
Di nuovo sabato,
e ancora.
Era quasi estate quando lei sparì,
un sabato così caldo che pure nel vicolo
batte un po’ di sole.
Un accappatoio azzurro
stende le dita
non si è pettinato
un filo di barba nella tasca
e il mio letto non cigola,
stanotte,
lei non c’è più.

Lascia un commento

Hai detto biscotti? Non ancora, mi servono maggiori info.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi